Rubrica offline in Exchange Server 2013


Articolo originale pubblicato sabato 27 ottobre 2012

Storia delle rubriche offline

Le rubriche offline, chiamate colloquialmente OAB, sono ormai da tempo un componente fondamentale dell'infrastruttura di Exchange. I client di Microsoft Outlook nella modalità cache di Exchange utilizzano una rubrica offline per effettuarvi ricerche quando l'utente è offline. Le rubriche offline sono importanti anche per ridurre il carico di lavoro nei server Exchange, in quanto i client di Outlook in modalità cache eseguiranno sempre le query innanzitutto sulla rubrica offline locale.

La rubrica offline si è evoluta nel corso delle diverse versioni di Exchange. L'ultima modifica importante relativa all'architettura della rubrica offline è stata apportata in Exchange Server 2007, dove abbiamo introdotto la distribuzione basata sul Web della rubrica offline e il ruolo del server Accesso client ha assunto maggiore responsabilità nella distribuzione della rubrica offline. Il processo di generazione della rubrica offline è tuttavia rimasto sostanzialmente invariato.

Finora.

A seguito della modifica dell'architettura dei ruoli del server introdotta in Exchange Server 2013, abbiamo modificato anche il modo in cui le rubriche offline vengono generate e distribuite ai client. Allora scopriamo la nuova rubrica offline di Exchange 2013 mettendola a confronto con le relative versioni precedenti.

Modifiche relative alla generazione della rubrica offline

Quale server genererà la rubrica offline?

In tutte le versioni precedenti di Exchange la generazione delle rubriche offline è associata a un server Exchange specifico mediante la proprietà Server. Quando si installa il primo server delle cassette postali di Exchange, il programma di installazione lo designa come server di generazione delle rubriche offline. È possibile creare nuove rubriche offline in base alle necessità. Durante la creazione di una nuova rubrica offline, è necessario specificare il server di generazione.

Rubrica offline in Exchange Server 2010:

Get-OfflineAddressBook "Default Offline Address Book" | fl name,server
 
Name : Default Offline Address Book
Server : MBX1

Questo approccio presenta lo svantaggio di avere un solo server configurato per la generazione delle rubriche offline e tale server costituisce un singolo punto di errore. Se tale server non è disponibile per un lungo periodo di tempo, le ripercussioni sulla generazione delle rubriche offline sono inevitabili.

In Exchange 2013 la rubrica offline viene generata da ogni server delle cassette postali di Exchange 2013 che ospita un tipo speciale di cassetta postale di arbitraggio, nota come cassetta postale dell'organizzazione. La generazione delle rubriche offline non è più vincolata dal parametro Server.

Rubrica offline in Exchange Server 2013:

Get-OfflineAddressBook "Default Offline Address Book (Ex2012)" | fl name,server
 
Name : Default Offline Address Book (Ex2012)
Server :

Il fatto che la rubrica offline non sia più vincolata a un server specifico consente a più server delle cassette postali di generare la stessa rubrica offline. Questa nuova architettura garantisce una maggiore resilienza nella generazione della rubrica offline.

Quale componente genererà la rubrica offline?

Nelle versioni precedenti di Exchange gran parte delle responsabilità relative alla generazione della rubrica offline è a carico del servizio Supervisore sistema di Microsoft Exchange. La generazione di tale rubrica è un processo pianificato, pertanto inizia nella data e all'ora configurate nella proprietà OAB, indipendentemente dal carico di lavoro del server.

In Exchange 2013 la rubrica offline viene generata da OABGeneratorAssistant, un assistente cassette postali che viene eseguito nell'ambito del servizio Assistenti cassette postali di Microsoft Exchange. Come la maggior parte degli altri assistenti cassette postali, OABGEnerationAssistant è un processo limitato, ovvero viene eseguito oppure sospeso in base al carico di lavoro del server.

Dove sono archiviati i file della rubrica offline?

Nelle versioni precedenti di Exchange la rubrica offline generata dal server delle cassette postali si trova nella cartella %ExchangeInstallPath%\ExchangeOAB. La cartella è condivisa, in modo che il server Accesso client possa recuperare i file della rubrica offline per la distribuzione ai client di Outlook.

In Exchange 2013 i file della rubrica offline vengono generati e archiviati innanzitutto nella cassetta postale dell'organizzazione e quindi copiati nella cartella %ExchangeInstallPath%\ClientAccess\OAB\.

Modifiche relative alla distribuzione della rubrica offline

In Exchange 2007 e 2010 sono supportati due metodi di distribuzione della rubrica offline, ovvero la distribuzione basata sul Web e la distribuzione delle cartelle pubbliche. In Exchange 2013 è supportato solo il metodo di distribuzione basata sul Web, quindi esaminiamo le modifiche apportate a tale metodo.

Il server Accesso client di Exchange 2007/2010 estrae i file della rubrica offline generati nel server delle cassette postali corrispondente e li archivia localmente. L'attività di estrazione dei file della rubrica offline viene eseguita dal servizio distribuzione file di Microsoft Exchange nel ruolo del server Accesso client.

Il flusso di download della rubrica offline dal lato client è il seguente:

  1. Outlook riceve l'URL della rubrica offline dall'individuazione automatica e raggiunge un server Accesso client.
  2. Il server Accesso client autentica l'utente e fornisce i file della rubrica offline dal disco locale.

Due svantaggi di questo metodo:

  1. Il download della rubrica offline ha esito negativo se il server Accesso client non dispone dei file della rubrica offline localmente.
  2. Se il servizio distribuzione file nel server Accesso client non funziona, i client ricevono file della rubrica offline obsoleti, ovvero non ricevono gli aggiornamenti.

In Exchange 2013 i file della rubrica offline non vengono archiviati localmente nel server Accesso client. Il server Accesso client 2013 inoltra tramite proxy tutte le richieste di download della rubrica offline al server delle cassette postali di Exchange 2013 appropriato. Con questa modifica dell'architettura, il servizio distribuzione file di Microsoft Exchange viene rimosso dal ruolo del server Accesso client.

In Exchange 2013 il flusso di download della rubrica offline è il seguente:

    1. Outlook riceve l'URL della rubrica offline dall'individuazione automatica e raggiunge il server Accesso client 2013 designato attraverso tale URL.

Il server Accesso client esegue le operazioni seguenti:

  1. Esegue l'autenticazione iniziale per la rubrica offline.
  2. Interroga Active Directory e determina la cassetta postale dell'organizzazione più vicina per l'utente richiedente.
  3. Interroga di nuovo Active Directory per determinare il database delle cassette postali in cui è ospitata la cassetta postale dell'organizzazione.
  4. Interroga Active Manager per determinare il server delle cassette postali in cui è attivo (montato) il database delle cassette postali.
  5. Inoltra tramite proxy la richiesta al server delle cassette postali identificato nel passaggio 4.
  6. Recupera i file della rubrica offline e li passa al client.

Questo nuovo flusso di lavoro non presenta gli svantaggi del flusso di lavoro di download della rubrica offline legacy.

Cassetta postale dell'organizzazione

La cassetta postale dell'organizzazione è un nuovo tipo di cassetta postale di arbitraggio introdotto in Exchange 2013. La cassetta postale di arbitraggio con capacità persistente OrganizationCapabilityOABGen viene indicata come cassetta postale dell'organizzazione. Svolge un ruolo fondamentale nella generazione, archiviazione e distribuzione della rubrica offline.

Ogni ruolo del server Cassette postali di Exchange Server 2013 che ospita una cassetta postale dell'organizzazione genererà tutte le rubriche offline di Exchange 2013 definite nell'ambiente. La rubrica offline viene innanzitutto generata nella cassetta postale dell'organizzazione e quindi copiata su disco.

Per identificare la cassetta postale dell'organizzazione, utilizzare il comando seguente:

Get-Mailbox -Arbitration | where {$_.PersistedCapabilities -like "*oab*"}

Esempio:

Get-Mailbox -Arbitration | where {$_.PersistedCapabilities -like "*oab*"}
 
Name Alias ServerName ProhibitSendQuota
---- ----- ---------- -----------------
SystemMailbox{bb558c35... SystemMailbox{bb5... mbx1 Unlimited

L'archiviazione nella cassetta postale dell'organizzazione rende più resilienti i file della rubrica offline.

Riepilogo dei concetti in uno scenario reale

Nello scenario seguente si combinano i punti salienti esposti finora:

  1. MBX1 e MBX2 sono server delle cassette postali di Exchange 2013 e sono membri di un gruppo di disponibilità dei database. CAS1 è un server Accesso client di Exchange 2013.
  2. La cassetta postale dell'organizzazione si trova nel database delle cassette postali DB1. In MBX1 e MBX2 sono presenti copie di DB1.
  3. DB1 attualmente è attivo in MBX1.
  4. Il servizio Assistenti cassette postali di Microsoft Exchange in MBX1 genererà la rubrica offline.
  5. La rubrica offline verrà innanzitutto generata nella cassetta postale dell'organizzazione e quindi verrà copiata sul disco di MBX1. A questo punto MBX2 non svolge alcun ruolo nella generazione della rubrica offline.
  6. Un client di Outlook tenta di scaricare la rubrica offline e raggiunge CAS1 attraverso l'URL di tale rubrica.
  7. CAS1 interroga Active Manager e scopre che il database in cui è ospitata la cassetta postale dell'organizzazione (DB1) è attivo in MBX1.
  8. CAS1 inoltra tramite proxy la richiesta di download della rubrica offline a MBX1 e fornisce di nuovo i file al client.
  9. A questo punto MBX1 smette di funzionare a causa di un problema di alimentazione e DB1 viene attivato nel server MBX2.
  10. CAS1 riceve un'altra richiesta di download della rubrica offline, interroga di nuovo Active Manager e questa volta inoltra tramite proxy la richiesta a MBX2, in quanto DB1 ora è attivo in MBX2.
  11. MBX2 estrae sul disco i file della rubrica offline presenti nella cassetta postale dell'organizzazione, in modo da garantire che al client vengano forniti i file più recenti.
  12. MBX1 torna online, ma DB1 rimane attivo in MBX2.
  13. Al successivo ciclo di lavoro per la generazione della rubrica offline, il servizio Assistenti cassette postali di Microsoft Exchange genererà la rubrica offline.

Nel prossimo articolo di questa serie verrà illustrato come gestire la nuova rubrica offline in Exchange 2013.

Bhalchandra Atre

Questo è un post di blog localizzato. L'articolo originale è disponibile in OAB in Exchange Server 2013.


Comments (0)

Skip to main content