Windows Server Virtualization – il glossario


Ecco qua!

Come promesso inizio la serie di post dedicati a Windows Server Virtualization (spero di riuscire ad andare oltre il primo...).

 

Non sarà tutta "farian del mio sacco" ovviamente. Mi appoggerò a diverse fonti, ma principalmente userò la documentazione ufficiale prodotta dal team di sviluppo di Windows Server Virtualization.

 

Per capirci meglio in seguito, penso sia una buona idea partire da un glossario (minimo) in modo da allinearci sui termini che userò nei prossimi post. Non voglio certo essere essere esaustivo: riprenderemo i diversi termini nel tempo approfondendo la loro definizione.

 

Iniziamo con una figura (non in scala; se lo fosse Windows Hypervisor sarebbe più sottile di un pixel e anche Server Core dovrebbe essere molto più sottile).

 

 

 

 

·        Hypervisor

Un hypervisor è uno strato di software che risiede appena sopra l’hardware a beneficio di uno o più sistemi operativi. Il suo compito principale è fornire ambienti di esecuzione isolati chiamati partizioni (partition). Ogni partizione ha il proprio insieme di risorse hardware (memoria, device, cicli di CPU). Responsabilità dell’hypervisor è controllare e arbitrare l’accesso all’hardware sottostante.

·        Partizioni

Una partizione è l’unità base di isolamento supportata dall’hypervisor. Una partizione è costituita da un spazio di indirizzamento e uno o più processori virtuali. In aggiunta, ad ogni partizione, possono essere assegnate risorse hardware specifiche (memoria, device e cicli di CPU) e determinati diritti di accesso e permessi. Le partizioni possono essere di due tipi

o   Parent Partition

Una partizione che crea altre partizioni (Child Partition) e contiene lo stack di virtualizzazione per controllarle. Nella prima versione di Windows Server Virtualization sarà possibile avere una sola partizione parent per ogni sistema fisico.

o   Child Partition

Ogni partizione creata e controllata da una parent partition. 

·        Guest

Il software in esecuzione in una child partition è definito guest. Un guest può essere un sistema operativo con tutte le funzioni (come Windows Server Longhorn) o un sistema a kernel ridotto e dedicato a specifiche funzioni. L’hypervisor di Microsoft è agnostico rispetto ai guest.

·        Device emulati (Emulated device )

Il tipo di virtualizzazione dei device in cui l’interfaccia verso l’hardware virtualizzato è indistinguibile dall’interfaccia verso l’analogo device fisico.

·        Device "sintetici" (Synthetic device)

Device virtuali che non hanno un analogo fisico. Gli stack costruiti sui device sintetici possono usare un bus speciale (il VMBus) per comunicare con device fisici presenti in altre partizioni.

 

  Giorgio

Comments (2)
  1. Anonymous says:

    Questo post, come altri che seguiranno sullo stesso argomento, sono basati su documentazione originale

  2. Anonymous says:

    Ho iniziato a pubblicare alcuni articoli su Windows Server Virtualization in questo mio blog: http://blogs.technet.com/pgmalusardi

Comments are closed.

Skip to main content