Windows 10 as a Service – Introduzione


Questo articolo è parte di una serie che vuole parlare dei concetti di Windows come Servizio

 

Come promesso, dedico una serie post al concetto di Windows as a Service (Waas).

Questo primo post è dedicato all'introduzione del concetto di Windows come servizio.Windows 10 logoIntroduzione

Cosa vuol dire avere "Windows come servizio"?

Cosa vuol dire che "Windows 10 è l'ultimo Windows"?

Siamo abituati al fatto che Microsoft crea un nuovo sistema operativo (es. Windows 7) e poi lo manutiene pubblicando di mese in mese security fix, bug fix senza aggiungere nuove funzionalità al sistema operativo.

Dopo un 3-4 anni viene proposto un nuovo sistema operativo (es. Windows 8) il quale propone novità e fa ricominciare il ciclo di gestione delle security fix e bug fix.

Tipicamente un sistema operativo Microsoft ha una supportabilità di 5 anni di supporto standard più 5 anni di supporto esteso.

 

Il mondo di oggi

I device quali smartphone e tablet ci hanno abituato ad evolutive più frequenti (un sistema operativo all'anno più diverse micro evoluzioni nel corso dei mesi). Stessa cosa per i servizi Cloud che si micro evolvono continuamente arricchendosi di funzionalità che migliorano la user experience e la sicurezza.

Per fornire un servizio che ricalchi questi vantaggi, Windows 10 introduce il concetto di "continuous update" o di "windows come servizio" ovvero l'evoluzione continua del sistema operativo operata tramite la pubblicazione periodica di build (chiamate anche "Feature Updates").

 

Windows 10 Features Update

A luglio 2015 è stata pubblicata la prima versione di Windows 10 con numero di build 1507 (anno 2015 mese 07) seguita dalla build 1511 (anno 2015 mese 11), 1607 (anno 2016 mese 07) e infine 1703 (anno 2017 mese 03) l'ultima disponibile al momento della scrittura di questo articolo.

Queste build sono sistemi operativi completi dirette derivazioni dello stesso Windows 10.

E' quindi importante comprendere che ogni build NON è un nuovo sistema operativo ma è un'evoluzione del precedente.

Vengono proposte evoluzioni di caratteristiche esistenti (es. nella build 1511 è stato introdotto un algoritmo aggiornato per la crittografia bitlocker, i precedenti sono rimasti) e vengono proposte funzionalità nuove (es. nella build 1607 è stato introdotta la funzionalità di Windows Information Protection).

Il vantaggio di questo approccio è quello di poter avere un Windows con caratteristiche avanzate (soprattutto di sicurezza) sempre aggiornate.

Non è previsto quindi che Microsoft pubblichi Windows 11 ma quello che sta già accadendo è l'evoluzione continua di Windows 10.

Windows 10 è un sistema operativo strettamente derivato da Windows 7 e 8 in modo da preservare la compatibilità con il passato (presenza del browser Internet Explorer 11, possibilità di esecuzione di applicazioni Windows 32) abbracciando nel contempo nuove funzionalità legate a servizi Cloud (gestione MDM, Windows Defender ATP, ...) alla sicurezza (Device Guard, Windows Information Protection, ...) e a concetti di produttività moderna (Modern Applications, supporto a penna e touch, ...).

Un sistema operativo che mette la produttività e la sicurezza al centro dell'esperienza utente e che si adatta al contesto di utilizzo evolvendosi nel tempo per rispondere a nuove esigenze di utilizzo e sicurezza.

Nei prossimi articoli andremo più a fondo sul concetto di build di sistema operativo, supportabilità delle stesse, aggiornamenti mensili, metodologie di gestione delle evolutive, compatibilità applicativa tra build.

Intanto sengalo l'articolo ufficiale che spiega i concetti di Windows as a Service. Articolo

Comments (0)

Skip to main content