Migrare a Windows 7 con Microsoft Deployment Toolkit 2010 (MDT) e User State Migration Tool


Si avvicina il momento di iniziare a pianificare la migrazione dei computer aziendali da Windows XP e Windows Vista a Windows 7.

La migrazione ad un nuovo sistema operativo è una delle operazioni più delicate, lunghe e pieni di implicazioni che i team IT delle aziende devono affrontare. Uno dei problemi principali che si pone è la migrazione delle configurazioni e dei dati specifici di ogni utente.

Ci sono diversi strumenti che possono supportare i processi di migrazione e per le piccole e medie aziende Microsoft mette a disposizione il Microsoft Deployment Toolkit (MDT) 2010 (attualmente in Beta 2).

Usando MDT 2010 e lo User State Migration Tool è possibile costruire una chiavetta USB (è consigliabile usarne una da 32GB almeno) con cui fare boot di una macchina Windows XP o  Windows Vista e migrarla, in poco più di mezz’ora, a Windows 7 conservando tutte le impostazioni e i dati utente.

Parleremo diffusamente di questo in una sessione ai TechDays – WPC 2009.

Vi lascio ne frattempo alcune importanti risorse (in inglese):

Buona settimana a tutti

Giorgio

Technorati Tags: ,,
Comments (14)

  1. ma le aziende hanno altro per ora a cui pensare….

  2. @sem: sicuramente le aziende hanno molte cose a cui pensare in questo periodo, ma è importante anche seguire (almeno a livello informativo) l’evoluzione del mercato e sapere quali strumenti possono essere utilizzati per ridurre i costi di deployment all’interno delle aziende stesse.

  3. DImmu says:

    So di essere Off Topic, ma quando si riuscirà ad avere una data precisa per "migrare" al service pack 2 di Vista? 🙂

  4. @Dimmu, giugno non è ancora finito, in ogni caso appena avremo news pubblicheremo un post sull’argomento.

  5. ggAdm500 says:

    io ho scaricato sp2 ita Vista-Server 2008 dal sito Microsoft eOpen  l’ho installato su Vista e Server 2008. Mi sembra che funzioni bene. Non ho notato miglioramenti di prestazioni

  6. Dimmu says:

    @beppex: Sp2 e’ gia’ scaricabile da un po’ per chi ha accesso ai siti di microsoft a pagamento.. ma per chi paga la misera licenza questo non e’ stato ancora concesso. comunque "dicono" che dovrebbe aumentare di un po’ le performance.. vedrò appena lo renderanno disponibile anche per i miseri utenti 🙂

  7. main2 says:

    @renato c’è poco da pubblicare post è ore di mollare sto benedetto SP2 e basta senza se e senza ma che già la cosa si è fatta alquanto ridicola

  8. PadovaBoy says:

    E io che pensavo di essere malato per aver controllato una decina di volte negli ultimi tempi la disponibilità dell’sp2 😛

    Cmq è vero siamo al 30 ore 18.15…missà che oggi non esce 😛

    E anche se non velocizzerà una fava spero solo che il mio portatile riesca a spegnersi e accendersi in tempi decorosi…MAGARI eviterà che per un problema di dns non si avvii per 15 min..

    PS: l’sp2 che trovo su msdn sarà quello finale? perché mi ingolosisce…ma ho aspettato 6 mesi posso aspettare ancora ^_^

  9. Dimmu says:

    sarebbe davvero incapibile, visto che in italiano c’e’ già da metà giugno per gli utenti abbonati technet.

    mi sa che il prossimo lo prendo in inglese, almeno evito il terzo-mondo-informatico.

  10. PadovaBoy says:

    Bohf mi immagino 2 casi possibili:

    1) legato a un problema tecnico: l’sp2 da dei problemi o la sua distribuzione potrebbe essere problematica. In questo caso l’sp2 attualmente in circolazione andrebbe preso con le pinze

    2) una questione puramente commerciale fatta di attese/aspettative/momenti del mercato. Ricordiamoci che stiamo entrando in un periodo assurdo per l’europa e microsoft: l’europa è in crisi e la M$ se ne deve assolutamente uscire con un sistema che dovrà riprendere i consensi persi con vista. se perde anche questa non so cosa succederà..

  11. DImmu says:

    @PadovaBoy: beh, per il primo caso, avrebbero bloccato tutti i download dire, visto che è disponibile per chi ha lingua inglese, francese, tedesco, spagnolo e giapponese. invece sul sito è tuttora scaricabile, quindi escluderei i problemi (o meglio, ne da ma non più e non meno degli SP sempre rilasciati per qualsiasi altro SO:))

    per il secondo, stessa cosa: è disponibile per chi ha abbonamento technet e per le aziende, quindi le attese (snervanti se non danno una data ufficiale e si nascondono dietro un "a breve") le hanno solo gli utenti normali 🙂

    Quindi non saprei, secondo me c’e’ altro di più plausibile, tipo la scomparsa dell’unico webmaster che era in grado di aggiungere un link alla pagina di download, oppure un misterioso alieno boicotta l’italia.. chissà

  12. main2 says:

    beh e ora di ammettere che renato aveva ragione punto!

    ha avuto anche molta pazienza!

    a me tutta la riconoscenza

  13. Dimmu says:

    io mi rifaccio solo a questo, che direi essere una fonte ufficiale:

    http://www.microsoft.com/italy/windows/windows-vista/quick-start/service-packs.aspx

    dal quale leggo:

    "Service Pack 2 (SP2), disponibile in italiano da giugno 2009, contiene tutti gli aggiornamenti rilasciati dopo SP1 oltre al supporto di nuovi tipi di componenti e di standard hardware."

    a sto punto, continuo a pensare sia scomparso l’unico webmaster 😀