Network Access Protection (NAP): client per Linux e MacOS X


Network Access Protection è una tecnologia di policy enforcement, introdotta con Windows Server 2008, in grado di bloccare l’accesso alle risorse aziendali ai computer che non sono conformi a delle regole di configurazione predefinite (presenza e aggiornamento di antivirus, presenza e attivazione di firewal, ecc…)


La tecnologia, sviluppata da Microsoft, è espansibile e i partner che collaborano con Microsoft su questa tecnologia sono veramente molti.


Una delle richieste più diffuse è la disponibilità di client NAP per sistemi operativi non-Microsoft e a questa domanda la risposta è sempre stata: “Microsoft al momento non ha piani per lo sviluppo di client per altre piattaforme”


Questa lacuna è stata da poco colmata da UNET (un partner globale Microsoft per NAP) che ha rilasciato UNETSHA v 3.0.


Si tratta di un client NAP per Linux, MacOS X e Windows (si anche Windows) che si integra con l’architettura nativa di NAP consentendo la gestione di client non-Microsoft ed estendendo il numero e il tipo di controlli che si possono effettuare sui client Microsoft prima di ritenerli conformi alle policy aziendali.


Qui sotto potete vedere un’immagine presa dal sito di UNET con i diversi tipi di client NAP in azione:


clip_image002


Un’offerta simile, ma con un minor numero di protocolli di accesoo supportati per client i Linuxe con il client per Mac ancora in fase di sviluppo, viene fatta da Avenda Systems.


Per maggiori informazioni:



Giorgio


Technorati Tags: ,,