Mamma, perche’ c’e’ un server in casa?



A TechEd IT Forum di Barcellona è stato lanciato ufficialmente Windows Home Server.


Durante TechEd non ne abbiamo parlato, sommersi dalle molte novità presentate.


Il prodotto è molto interessante e va a coprire, o forse a creare, un mercato nuovo che è quello dei server per la gestione delle reti casalinghe. In molte case iniziano ad essere presenti dispositivi diversi (pc per studio o il lavoro, mediacenter, ecc…) e qualcuno inizia a sentire il bisogno di uno strumento di centralizzazione e condivisione delle “informazioni casalinghe” (video, fotografie, musica, documenti), di backup, di controllo della sicurezza, ecc…


Windows Home Server (basato su Windows Server 2003 SBS) mette a disposizione queste funzionalità:



  • Centralizzazione delle “memorie” e dei media della famiglia

  • Backup giornaliero automatico dei PC casalinghi (usando un apposito agent)

  • Ripristino semplice di file persi o di interi PC

  • Funzionalità di file server

  • Un indirizzo WEB personalizzato per condividere su internet (anche ad accesso controllato) foto e filmati: formato http://nomefamiglia.HomeServer.com

  • Installazione semplificata (ma l’idea è comprare un appliance)

  • Spazio storage espansibile

  • Applicazioni di terze parti (dipendono dal vendor hardware che ve lo fornisce)

Il giorno 27 novembre è stato rialasciato un primo upgrade che migliora alcune funzioni (mette a disposizione un certificato trusted per accedere in HTTPS al PC di casa da ovunque https://nomefamiglia.HomeServer.com, consente la cancellazione di tutti i dati di tutti gli utenti con un singolo click (Attenzione!!!!), migliora l’interfaccia di gestione dello storage).


Se volete vedere alcuni filmati divertenti su Windows Home Server che vi possano naiutare a spiegare a casa cos’è quella nuova scatola nera che è comparsa in salotto potete andare qui.


Giorgio

Comments (0)