Riepilogo delle novità su Network Access Protection (NAP)


E’ davvero da tanto che non vi parlo di Network Access Protection (NAP) e questo è male: questa soluzione tecnologica è una delle funzionalità chiave del prossimo Windows Server 2008, tanto attesa da praticamente tutti gli amministratori di sicurezza con cui ho avuto modo di parlare. Ci sono diverse informazioni che è bene non perdere, e che vi riepilogo qui di seguito.

Parto dalla segnalazione di un imminente libro Microsoft Press dedicato al Networking di Windows Server 2008, con ben 6 capitoli dedicati al NAP:

NAP book

Se, come me, siete anche nostalgici appassionati dei libri veri, quelli di carta, non potete perdervi la nuovissima serie di titoli in arrivo su Windows Server 2008: per quelli di sicurezza vi aggiornerò man mano nel mio solito Microsoft Security Portal (cercate le voci con (BK)).

Lo scorso Teched a Barcellona è stata poi un’occasione per segnalare i grandi progressi in termini di interoperabilità di questa soluzione tecnologica:

  • Un paio di aziende (UNETsystem e Avenda Systems) hanno segnalato l’estensione di NAP a piattaforme non-Microsoft (Mac e Linux). In particolare, un post del blog sul NAP ha poi segnalato anche la possibilità di poter provare già una "Evaluation Beta 1 Release" del NAP Client per Linux di Avenda Systems.
  • Celestix Networks ha segnalato l’imminente rilascio di appliance di rete progettati ad-hoc per NAP.
  • Il parco installato di client sotto NAP ha raggiunto i 150.000 desktop, di cui ovviamente per ora la parte principale (circa 70.000) è quella direttamente implementata dalla nostra rete interna. Questo primo mega-deployment già in produzione è documentato in un case study.

Non indugiate ad iniziare ad approfondire gli aspetti tecnologici del NAP: trovate altre risorse nel mio solito Microsoft Security Portal.

Skip to main content